Quando il virus risveglia l’attenzione sulla rendita vitalizia

16 giugno 2020
Attenzione Rendita vitalizia

Stiamo attraversando uno dei periodi più duri dal punto di vista economico e sanitario, in tutto il nostro Paese e nel mondo in generale.

E forse proprio affrontando questa situazione inaspettata, in molti abbiamo avuto l’occasione di riflettere sulle cose importanti della vita e su quanto avere un costante apporto di denaro sia indispensabile per sostenere le nostre spese quotidiane.

Liquidazione sotto forma di capitale o rendita?

Quando si aderisce ad un fondo pensione, al momento della cessazione del rapporto di lavoro l’associato ha due possibilità: riscuotere la liquidazione sotto forma di capitale o attivare la rendita vitalizia.

Sulla base dei dati pubblicati nella relazione del 2018 (l’ultima disponibile) di COVIP, solo 277 aderenti alla previdenza complementare di origine negoziale hanno trasformato, nell’anno, la propria posizione in rendita (per complessivi 19 milioni di euro) contro i 33.061 che hanno preferito ritirare il proprio risparmio in un'unica soluzione (complessivamente 924 milioni).

Eppure a causa del COVID-19 e viste le tantissime persone che si sono ritrovate improvvisamente senza stipendio, la possibilità di poter contare su un’entrata fissa in più dopo il pensionamento è stata decisamente rivalutata.

Perché prediligere la rendita vitalizia

Quando si raggiunge la pensione, la riduzione di reddito è un elemento comune a tutte le professioni. Alcune valutazioni evidenziano una diminuzione del 40%, altre del 30%, altre ancora del 20%.

Scegliere la rendita vitalizia, cioè la dilazione del capitale accumulato negli anni, permette di avere complessivamente una pensione mensile più elevata, mantenendo più o meno lo stesso standard di entrate che si aveva nel periodo lavorativo.

Proprio per questo, a seguito della pandemia e dei disastri economici da essa provocati, sta emergendo l’importanza della rendita come vero e proprio strumento di welfare capace di integrare il reddito al momento del pensionamento.

La rendita vitalizia con Fondo Perseo Sirio

Fondo Perseo Sirio, al momento del pensionamento, mette a disposizione dei propri associati 5 tipologie di rendita vitalizia:

  • Rendita vitalizia semplice, cioè appunto quella che inizia con il pensionamento e termina nel momento di passaggio a miglior vita;
  • Rendita vitalizia reversibile, cioè quella che può essere fruita da un beneficiario nominato nel momento stesso del pensionamento;
  • Rendita certa per 5 o 10 anni e, negli anni successivi, con il capitale residuo, rendita semplice;
  • Rendita controassicurata, che consiste nella rendita vitalizia semplice ma, nel caso in cui si dovesse passare a miglior vita lasciando un capitale residuo, questo verrebbe riscattato da un beneficiario nominato al momento del pensionamento;
  • Rendita con assicurazione contro la non auto sufficienza, cioè nel caso in cui si dovesse incorrere in tali difficoltà fisiche, la rendita alla quale si aveva diritto viene raddoppiata.

Anche alla luce delle tante possibilità che il Fondo offre quindi, scegliere la rendita vitalizia invece della liquidazione sotto forma di capitale può contribuire ad avere un futuro più sereno con un costante e cospicuo apporto di denaro anche dopo il pensionamento.