Quando la previdenza complementare non è più un lusso ma una necessità

Data notizia 05 ottobre 2021
previdenza complementare necessità

Negli ultimi anni i fondi pensione complementari stanno vedendo un totale cambiamento di ruolo. Se una volta erano uno strumento per avere una maggiore somma di denaro accanto ad una pensione già di per sé soddisfacente, ad oggi sono diventati uno strumento fondamentale per fare in modo che la pensione sia sufficiente a vivere un futuro dignitoso.

Questo soprattutto a causa delle nuove modalità di lavoro, quasi sempre discontinuo in particolar modo per i giovani. Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro e presidente di Lavoro&Welfare, ha dichiarato a QN Economia e Lavoro “Sono dell’idea che l’iscrizione ai Fondi contrattuali debba diventare obbligatoria, perché avere primo e secondo pilastro non è più un lusso, ma una necessità: il silenzio assenso può essere un primo passo”.

E in quest’ottica è sicuramente un primo passo l’Accordo sulla regolamentazione inerente alla modalità di adesione al Fondo Perseo Sirio anche mediante forme di silenzio-assenso, del 16/09/2021, che dà l’opportunità a tutti i neoassunti nella Pubblica Amministrazione, Sanità e Polizia Locale, di aderire a FPS nel momento in cui viene firmato il contratto di lavoro.

Un grande incentivo che ha lo scopo di invogliare i giovani lavoratori ad aderire al proprio fondo pensione complementare di categoria, in modo da iniziare fin da subito a costruire una pensione che permetta loro di vivere un futuro sereno.

Altre forme di incentivi sono sotto studio, con lo scopo di aiutare soprattutto i lavoratori più a rischio. In quest’ottica si sta lavorando per tutelare i lavoratori dell’edilizia, abbassando il numero di contributi da 36 a 30 anni e per eliminare i 3 mesi di intervallo attualmente previsti per chi cessa la disoccupazione fino al momento in cui percepisce l’APE, in cui il lavoratore resta senza reddito. Altre categorie per le quali si stanno cercando agevolazioni sono quelle delle donne, degli inidonei, dei lavoratori notturni e dei lavoratori autonomi.