Il presente e il futuro dei fondi pensione

29 gennaio 2021
Presente e futuro dei fondi pensione

Qual è il bilancio del 2020 nell’ambito della previdenza complementare e quali sono i buoni propositi per il nuovo anno, al fine di rendere i fondi pensione sempre migliori?

L’analisi dell’ultimo anno

In base alle statistiche Covip aggiornate a fine settembre 2020, le posizioni aperte di forme pensionistiche complementari nel nostro Paese sono 9,289 milioni. Rispetto all’anno precedente c’è stata una crescita di 172 mila unità (+1,9%), inferiore rispetto ai periodi che precedono l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

Per quanto riguarda i fondi negoziali, i maggiori incrementi si riscontrano principalmente in due settori:

  • quello destinati ai lavoratori edili (soprattutto grazie al meccanismo di adesione contrattuale), con un aumento di 47.800 unità
  • quello rivolto ai dipendenti pubblici, di cui fa parte Fondo Perseo Sirio, con un aumento di 12.100 unità

Nel complesso, rispetto alla fine del 2019 i fondi pensione negoziali hanno registrato un aumento di 90 mila posizioni (+2,8%).

Nel secondo trimestre il flusso dei contributi in generale ha subìto un lieve calo proprio a causa dell’emergenza per la pandemia, ma molto limitato anche grazie alla grande capacità di reazione che le forme pensionistiche hanno dimostrato sia nella modalità operativa, sia in quella di interazione con gli iscritti.

Anche Fondo Perseo Sirio si è impegnato da subito infatti a comunicare periodicamente ai propri associati l’andamento del Fondo e si è adattato alla modalità di lavoro agile per garantire assistenza agli associati e allo stesso tempo la sicurezza ai propri dipendenti.

Gli aspetti da rivedere nel futuro

Gli aspetti da rivedere per il futuro sono essenzialmente tre: l’adesione di nuovi associati, l’investimento nell’economia italiana e le forme di vincoli di portafoglio.

L’adesione di nuovi associati è un punto fondamentale per la crescita dei fondi pensionistici.

In Italia infatti solo un terzo dei possibili aderenti è associato di un fondo pensione, ed è quindi necessario trovare nuovi metodi di coinvolgimento di tutte quelle fasce della popolazione che ancora non hanno preso in considerazione l’adesione ad un fondo pensione.

I giovani e i lavoratori che non appartengono a forme lavorative strutturate devono essere coinvolte con nuovi mezzi come i social, le piattaforme digitali o l’adesione semi automatica tramite contratti di lavoro. Proprio in questo senso di modernizzazione, anche Fondo Perseo Sirio sta digitalizzando sempre più i propri servizi, comunicando anche sul web e sui social, per essere più vicino alle nuove generazioni.

Per quanto riguarda l’investimento dei fondi pensione nell’economia italiana, questo è probabilmente dovuto anche al modello di gestione tramite mandato. Sarebbe quindi opportuno pensare ad una forma di gestione diretta, che rendano possibili forme di investimento più significative nell’economia reale.

Infine, è chiaro che gli investimenti dei fondi pensione nell’economia vadano lasciati a decisione autonome e indipendenti, non condizionate dalle esigenze della politica economica del momento, in modo da garantire una certa autonomia nelle scelte ed il rispetto delle finalità previdenziali delle risorse accumulate dagli aderenti.